Laboratorio del Gusto

Una serie di appuntamenti studiati ad hoc per l’evento: chef, esperti e pescatori si alterneranno per intrattenere i partecipanti in una degustazione guidata che rappresenta il modo più diretto per avvicinarsi al cibo divertendosi, analizzando i prodotti proposti sotto ogni punto di vista, dalla storia all’analisi sensoriale, dall’aspetto nutrizionale fino all’utilizzo in cucina.

I Laboratori del Gusto sono lo strumento ideato da Slow Food nel 1994 per realizzare il progetto di Educazione del Gusto, obiettivo-chiave del movimento.

Si tratta di degustazioni speciali guidate da esperti del settore enogastronomico e dell’associazione, coadiuvati da valenti artigiani e produttori, cuochi e selezionatori che accompagnano i partecipanti alla scoperta dei prodotti dell’enogastronomia di eccellenza. Il tutto in modo consapevole e gioioso, competente e gratificante: i partecipanti possono toccare con mano, annusare, assaggiare, confrontare quanto viene descritto e raccontato, interagendo con i relatori.

A Mazara del Vallo ci sono 6 appuntamenti (ogni giorno alle 18.30 e alle 21.00), per gustare specie meno conosciute e sperimentare abbinamenti classici o coraggiosi.

I Laboratori del Gusto sono ospitati a Mazara del Vallo presso la "Sala laboratori" della scuola "P. Borsellino" di Piazza Santa Veneranda.
Il costo di partecipazione per ogni Laboratorio è di 5€. Per ogni Laboratorio è prevista la partecipazione di max 30 persone.

Sarà possibile prenotare la partecipazione ai Laboratori durante le giornate di Slow Sea Land (8,9,10 giugno) presso lo stand Slow Food Italia in Piazza della Repubblica.



VENERDI' 8 GIUGNO

ORE 18.30
Dal cibo alla difesa della biodiversità
Un viaggio attraverso le essenze floreali e foraggere dei pascoli siciliani alla scoperta della biodiversità tutelata dai Presìdi Slow Food. Le produzioni casearie di eccellenza abbinate ai mieli monofloreali più caratteristici, prodotti dall'ape nera siciliana, una razza autoctona dell’isola protagonista di un progetto di recupero e reintroduzione sostenuto dalla Regione Sicilia. In degustazione le provole dei Nebrodi e delle Madonie, la vastedda del Belìce e il caciocavallo dei Monti Iblei. In abbinaminto i vini dolci di Barraco, Donnafugata e Florio.

ORE 21:00
Dal cibo al paesaggio
Il paesaggio agricolo del ragusano caratterizzato da chilometri di muretti a secco che circondano e separano i pascoli dalle cave, aree carsiche simili a canyon, raccontato attraverso le produzioni agroalimentari dei Presìdi Slow Food. Assaggerete i formaggi di razza modicana e il cioccolato di Modica, che alcuni cioccolatieri associano al carrubo, tipico di queste terre, e alla Manna delle Madonie. Nel bicchiere Mal d'Africa di Cos, SP68 (bianco) di Arianna Occhipinti e Moscato di Noto di Planeta.


SABATO 9 GIUGNO

ORE 18.30
Dal cibo alla conoscenza e alla memoria
Storia, tradizione e cultura alimentare definiscono il confine tra la centenaria esperienza dei pescatori di acciughe e degli esperti salatori siciliani da una parte e, l'importazione di conserve di pesce azzurro dalle incerte tecniche di produzione e di conservazione dall'altra. Nel piatto quattro filetti di acciuga di diversa provenienza:  Sciacca e masculina da magghia di Catania a confronto con altrettante di provenienza estera. Lo scopo è imparare a riconoscere l'autentica acciuga siciliana attraverso quattrro sensi: vista, olfatto, tatto e gusto. Nel bicchiere, a coronare autenticità e tradizione, i vini di De Bartoli, Feudo Montoni e Viticoltori Associati Canicattì.

ORE 21.00
Dal cibo al piacere, alla socialità, alla convivialità, alla condivisione
Le condotte Slow Food siciliane ci accompagneranno alla scoperta dei prodotti e delle tradizioni del loro territorio. Un percorso enogastronomico all'insegna della convivialità e della condivisione per raccontare il piacere di essere Slow Food. Una sfilata di Presidi da tutta la Sicilia a braccetto con i vini di Rallo, Palari e Girolamo Russo.


DOMENICA 10 GIUGNO

ORE 18.30
Dal cibo alla salute
Approfondimento su come la qualità e le proprietà nutritive di alcuni prodotti influiscano positivamente sulla nostra salute. La dieta mediterranea come filo conduttore, tra presidi Slow Food, pesce e ottimi vini. Dal pomodoro siccagno ai capperi di Salina, dai carciofi di Menfi all'oliva minuta, dalla palamita al tonno alalunga. Il tutto abbinato ai vini di Valdibella, Tasca D'Almerita e Cantine Settesoli.

ORE 21.00
Dal cibo alla salubrità dell’acqua
Parapenaeus Longirostris, Aristaeomorpha Foliacea, Aristeus Antennatus meglio conosciuti come gambero rosa, gambero rosso e gambero viola, sono il fiore all'occhiello della straordinaria biodiversità ittica di Mazara del Vallo. Insieme a Franco Andaloro dirigente di ricerca dell'Istituto per la ricerca ambientale (Ispra) e a un referente dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia approfondiremo le diverse tematiche legate a questi crostacei. Li assaggerete abbinati a tre grandi bianchi di altrettanti produttori siciliani: Graci, Fessina e Tenute di Castellaro.


(fonte: Slow Food)

spacer



dummy